CLINICA DOTT.SSA EMILOVA
la strada giusta verso la salute

Abbiamo 153 visitatori e nessun utente online

Il digiuno è il meccanismo terapeutico più antico e viene attivato istintivamente quando un organismo vivente è colpito da malattia. Il malato smette temporaneamente di mangiare e, anche di bere a volte, si nasconde e dopo un periodo di tempo esce dal nascondiglio guarito. L'uomo dopo aver osservato questo comportamento negli animali lo applica con successo su se stesso fino ai nostri giorni. Il metodo viene chiamato digiuno terapeutico, cura attraverso il digiuno, digiuno dosato, regime di alleggerimento, mentre oggi alcuni specialisti usano il termine più appropriato  di terapia dietetica e di alleggerimento.

Tracce dell'applicazione del digiuno totale a scopo curativo si possono trovare già nell'antichità. I dati più remoti risalgono ai tempi dell'antico Egitto. Il metodo viene menzionato più volte negli scritti degli antichi eruditi della Babilonia, Giudea, India, Persia, Cina, Tibet, Grecia e Roma. Tra i primi promulgatori del digiuno terapeutico si distinguono i “padri” della medicina moderna – Avicena e Ippocrate, il quale ha detto: ”Se il corpo non è purificato, quanto più lo nutriamo, tanto più lo danneggiamo.”

Durante il Medioevo e in seguito il digiuno terapeutico viene praticato largamente in Germania, Inghilterra, Francia e Svizzera. In Russia le prime registrazioni dell'effetto terapeutico del digiuno si hanno alla metà del 18-esimo secolo.

La cura attraverso il digiuno viene spesso legata ai nomi del dietologo americano Paul Breg (1895-1976) e Herbert Shelton (1895-1985), dottore onorario in medicina, chiropratico naturista. Nel 1928 Shelton fonda la sua Scuola di salute, mentre nel 1948 crea una corporazione professionale, oggi conosciuta come Associazione Internazionale dei Medici Igienisti (IAHP). Lo scopo principale di questa organizzazione è la pubblicazione delle ricerche sulla terapia attraverso il digiuno.

Nel 20-esimo secolo il digiuno terapeutico si diffonde largamente in seguito alla nascita in campo medico di un movimento che dedica particolare attenzione ai metodi terapeutici naturali. Il digiuno terapeutico è stato studiato scientificamente in Russia, Germania, USA, Francia, Australia, e anche in Bulgaria. Anche le pubblicazioni dello scienziato tedesco Otto Buhinger (1878-1966) hanno conquistato fama mondiale e le sue cliniche sono tuttora funzionanti.

emi18Il contributo della Bulgaria consiste soprattutto nel “moderare” il metodo classico di rigido digiuno terapeutico. La famosa guaritrice naturale Lidia Covaceva, guidata da un'intuizione geniale, decide di aggiungere frutta fresca di stagione e tisane di erbe medicinali con miele allo schema di digiuno terapeutico finora applicato. Così nasce l'attuale cura a base di frutta, che combina lo straordinario effetto guaritore del digiuno totale con la tollerabilità e l'universale applicabilità dell'astinenza moderata. Nel 1992 Dott.ssa Emilova applica questo sistema su se stessa e, impressionata dalla sua azione, decide di fondare la Clinica per la cura a base di frutta. La sua esperienza in questo campo dimostra che il digiuno con frutta ha lo stesso effetto guaritore come quello con acqua, ma è notevolmente più facile da sopportare per i pazienti. Dott.ssa Emilova eleva la terapia a base di frutta ad un livello ancora superiore, associandola ad analisi esatte effettuate con l'apparecchiatura medica più moderna. Ciò permette di curare con questo sistema malattie gravi, cosa considerata impossibile fino a poco tempo fa e senza correre nessun rischio. Nel 2007 Dott.ssa Emilova viene decorata con la medaglia “Mihail Lomonosov” per i propri meriti e il suo contributo personale nello sviluppo delle relazioni di amicizia tra i popoli della Russia e Bulgaria e per i suoi grandi successi nella tutela della salute dell'uomo.


Abbiamo 153 visitatori e nessun utente online

Clinic11